fbpx

La storia del Rum, un liquore dalle origini leggendarie

da | 14 Gen, 2021 | Storia dei prodotti

Il tempo di lettura stimato per questo post è 182 secondi.

Il Rum deve la sua grandissima fama alle numerose storie e leggende su pirati e corsari del Centro America.

Sicuramente hai visto il film Pirati dei Caraibi, in cui il protagonista Jack Sparrow va matto, appunto, per il Rum?
Ovviamente stiamo parlando di un film, ma si sa che in ogni film c’è sempre un fondo di verità!

E allora scopriamo la storia del Rum, come nasce questo liquore e che cosa significa il suo nome.

Come nasce il rum?

Cominciamo togliendo subito un po’ di magia al mito del Rum.

In realtà le origini di questo liquore non hanno niente a che vedere con l’America né tanto meno con i pirati!
Il Rum è un’acquavite ottenuta dalla distillazione della melassa della canna da zucchero o del suo succo, ed ha origine in Asia molti secoli prima!

Fu Marco Polo il primo a parlarne per primo in un documento del XIV secolo, in cui racconta di un “ottimo vino da zucchero” offertogli nell’attuale Iran.
La prima distillazione avvenne però a Londra circa un secolo dopo, con canne da zucchero importate dall’India!

Bisogna aspettare invece la seconda metà del 1600 per avere i primi “rum americani”: 
Gli schiavi delle piantagioni di canna da zucchero dei Caraibi furono i primi ad accorgersi che le melasse, un sotto-prodotto del processo di raffinazione dello zucchero, fermentavano in alcool. Successivamente la distillazione di questi sottoprodotti alcolici concentrò l’alcool e rimosse le impurità, producendo i primi veri rum, che rimasero però di scarsa qualità tanto che alcuni vennero chiamati “kill-devil” (ammazza diavoli)!

Il successo del Rum in America

La prima distillazione a Londra ebbe un successo incredibile, tanto che venne deciso di fondare nel 1664 una distilleria nelle Colonie Americane.
La prima venne fondata in quella che oggi è la moderna Staten Island, poi una a Boston, che in breve tempo divenne la più grande e florida industria del New England coloniale.
Il Rum divenne così pregiato da essere addirittura accettato in Europa come moneta corrente, insieme all’oro!

Il consumo di rum in America era aumentato a dismisura tanto che venne realizzato un commercio  triangolare tra Africa, Caraibi e colonie per sostenere il crescente bisogno di forza-lavoro nelle piantagioni di canna da zucchero. 
La brusca interruzione degli scambi circolari di schiavi, melassa e rum, causata dallo Sugar Act del 1764, potrebbe essere una delle cause scatenanti della rivoluzione americana!

Successivamente al periodo della rivoluzione il Rum continuò ad essere uno dei simboli più popolari in America tanto che George Washington, in occasione del suo discorso di insediamento alla Casa Bianca del 1789, si alzò in piedi proprio su una botte di rum di Barbados!

Rum e pirati: quale legame?

Le leggende sul rum e i pirati devono la loro origine al fatto che entrambi ebbero i loro “anni d’oro” nello stesso posto e nello stesso periodo!
Nell’America caraibica, tra il ‘600 e il ‘700, ci furono moltissimi episodi di scorribande causate dai più feroci pirati che saccheggiavano navi e porti senza risparmiare nessuno!

Secondo i tanti romanzi pirateschi, e anche visto il grande successo del Rum proprio in quegli anni, quel distillato era la loro bevanda preferita: si narra addirittura che i pirati mescolassero Rum e polvere da sparo prima di assalire le altre navi mercantili!

Il declino del Rum negli Stati Uniti avvenne a seguito delle restrizioni all’importazione di Rum dalle isole britanniche dei Caraibi, che avvennero in concomitanza con lo sviluppo del whisky americano, destinato a diventare pochi anni più tardi il liquore più consumato del Nuovo Mondo!

Credits: – https://www.drinksco.it/blog/il-rum-la-bevanda-dei-piratihttps://www.fashiontimes.it/2019/07/rum-curiosita-bevanda-dei-pirati/https://www.laragazzachebeve.it/drink-cinema-sparrow-grog/

Correlati

Facebook
Instagram
Tik Tok
Privacy e Cookie Policy

Newsletter

Entra nella nostra community!

Compilando il form autorizzi Drink Porn Italy al trattamento dei tuoi dati personali, i quali saranno utilizzati al solo fine di inviare la newsletter e non saranno comunicati a terzi, né diffusi.
 
Facebook
Instagram
Tik Tok

Pin It on Pinterest